Inserisci la tua mail qui sotto per accedere GRATIS al Video

Privacy - In Conformità alla legge D.Lgs. n.679/2016 i Tuoi dati non saranno MAI ceduti a terzi. ODIAMO LO SPAM QUANTO TE! 

Il Blog di Escapologia Fiscale

Accertamento Fiscale: Quando scatta e come prevenirlo

Accertamento Fiscale: Quando scatta e come prevenirlo

Come abbiamo letto nel mio precedente articolo sulla prescrizione degli accertamenti fiscali, in tema di tempistiche il Fisco Italiano sembra essere corso ai ripari allungando di molto i tempi di prescrizione. Nello stesso articolo ho parlato di uno dei segreti del mio corso di Escapologia Fiscale, che può mettere a riparo la tua azienda da un accertamento fiscale per i prossimi 999 anni.

Oggi voglio parlarti di quando scattano gli accertamenti Fiscali e come fare per prevenirli e vivere la propria fiscalità in modo sereno.

Quando scattano gli accertamenti fiscali?  

Di solito il Fisco mette in moto il processo che porta il contribuente a subire un accertamento fiscale, quando nota delle incongruenze tra le informazioni che riceve dalle varie “fonti di notizia”. Ciò fa presupporre delle possibili dichiarazioni mendaci e di conseguenza gli ispettori vanno a dare un’occhiata. 

C’è da dire che i sistemi informatici dell’Agenzia delle Entrate sono sempre più sofisticati ed in tempo reale incrociano milioni di informazioni provenienti da molteplici fonti. Ormai l’Agenzia delle Entrate è una sorta di vera e propria Agenzia d’Intelligence, infatti, oltre che dalle dichiarazioni dei redditi, dagli spesometri e dalle dichiazioni IVA, può raccogliere informazioni dai conti correnti (anche da quelli esteri), dalle certificazioni fiscali, dagli scontrini parlanti, dagli studi di settore, dai bonifici con detrazioni fiscale  e perfino dai Social Media…forse solo gli sviluppatori dei loro software sono al corrente di tutte le fonti a cui attingono per dare guerra ai contribuenti.

Inoltre bisogna sottolineare che ci sono una serie di norme che mettono l’Agenzia delle Entrate in una condizione di netto predominio nei confronti del contribuente, che di conseguenza, più che accertato, si trova ad essere “inquisito”; si trova attaccato e costretto a difendersi come se fosse colpevole, ritrovandosi a dover dimostrare la propria innocenza di fronte ad un fisco che per semplice presunzione di colpevolezza infligge multe e sanzioni, come se la sua parola fosse quella divina.

Le normative su cui si fa forte il Fisco sono state create per dissuadere e scongiurare il dilagante fenomeno dell’evasione fiscale, ma troppo spesso purtroppo finiscono per abbattersi senza via di scampo sui piccoli contribuenti che non solo non evadono, ma nella maggior parte dei casi non hanno neanche gli strumenti per difendersi dal fisco inquisitore e far valere le proprie ragioni.

Tu sei a rischio accertamento fiscale?

Per capire se anche la tua azienda è a rischio accertamento fiscale è bene comprendere come l’Amministrazione fiscale costruisce le liste da selezionare e da sottoporre ad accertamento.

Alcuni credono ancora che i contribuenti a maggior rischio di ricevere un accertamento fiscale siano 

quelli che risultano NON congrui con gli studi di settore, oppure chi non presenta tale modello, ma in realtà questo è ormai un concetto anacronistico.

Se una volta gli Studi di Settore rappresentavano un parametro importante per finire nelle liste di accertamento, ormai non contano praticamente più nulla, tant’è vero che la Legge di Stabilità 2017 li toglie definitivamente dalla circolazione.

Considerando i sofisticati software in uso all’Agenzia, ormai non è più dato sapere realmente quali siano i principali parametri che concorrono a creare le liste di accertamento, ma quello che è certo è che ci sono 3 fattori che influiscono sensibilmente sulla probabilità di essere controllati:

  • Le movimentazioni di conto corrente difformi dal ciclo economico dichiarato
  • Le probabilità statistiche dettate dall’area di residenza fiscale
  • Le probabilità statistiche dettate dal settore merceologico

 

In base a questo l’Agenzia delle Entrate e la Guardia di Finanza inviano i loro ispettori alla ricerca di illeciti fiscali. Quando escono devono fare bottino e più spie rosse si sono accese nel loro software “rileva incongruenze” più sono sicuri di avvicinarsi al budget di recupero fissato.

Sai che hanno un budget da raggiungere vero?

Esatto, questo è il loro approccio, devo fare portare a casa la pagnotta, quindi quando li vedi arrivare, sappi che sono venuti per una visita di cortesia...

Come evitare un accertamento fiscale

Lo scenario descritto sembrerebbe senza via di uscita ed invece, per fortuna, esistono delle strategie per “resistere” all’accertamento e delle strategie per “ridurre la probabilità” di subirlo (fino ad 1 volta ogni 999 anni). Tutto questo lo puoi trovare spiegato nei Segreti #36 e #37 del mio Corso di Escapologia Fiscale.

Se vuoi evitare di subire inerme un accertamento fiscale, non puoi permettermi di non studiare questi 2 segreti del Corso Escapologia Fiscale

 

 

Share

Post a Comment

Tags
Categorie
Fill out my online form.